4 regole per scrivere un tweet perfetto

Posted by on Mag 16, 2016
4 regole per scrivere un tweet perfetto

Scrivere un tweet che ottiene tanti retweet, click e menzioni non è per niente semplice.

Devi creare un messaggio coinvolgente e trovare pure lo spazio per gli hashtag. Tutto questo in soli 140 caratteri.

Per questo ci sono diverse guide su internet. Quel che non si trova facilmente, invece, sono dati e tattiche per ottimizzare i tweet e aumentare le interazioni.

Come scrivere un tweet perfetto in 4 mosse

Il blog di Hubspot ha pubblicato un’infografica che può aiutare a raggiungere questo obiettivo. Riporto i punti essenziali di seguito.

#1 Inserire l’URL nel mezzo del tweet

La probabilità che un tweet sia retwittato aumenta del 26% se l’URL viene inserito nel mezzo del messaggio.

#2 L’hashtag perfetto ha 11 caratteri

Gli hashtag di 11 caratteri ottengono il 117% dei retweet in più rispetto agli hashtag tra i 6 e i 10 caratteri

#3 Hashtag o no?

I tweet con hashtag hanno il 33% di probabilità in più di essere retwittati

#4 1 o 2 hashtag?

I tweet con 1 hashtag sono più retwittati di quelli con 2 hashtag

Sul blog di Hubspot trovate l’infografica in inglese.

Ottenere il massimo dai tweet che pubblichi oggi è fondamentale. Anche Twitter qualche mese fa, infatti, ha introdotto un algoritmo che seleziona i tweet da mostrare agli utenti in base ai profili con cui interagiscono più spesso.

Cosa significa? Vuol dire che se ottieni pochi mi piace, retweet e menzioni rischi che i tuoi follower, quando accedono a Twitter, vedano per primi i tweet di qualche altro profilo. E non del tuo.

L’aggiornamento dell’algoritmo di Twitter prevede infatti che siano mostrati in alto nel feed i tweet che, secondo l’algoritmo, possono interessare di più agli utenti. Un po’ come avviene su Facebook.

L’unico modo per riuscire a emergere è condividere contenuti coinvolgenti, usando immagini accattivanti e hashtag che spingono gli utenti a commentare e retwittare. E seguire i consigli di Hubspot potrebbe migliorare ancora la performance.

Seguimi su Twitter!

Leave a Reply